Un Prato molto nervoso perde la partita casalinga contro ‘Arezzo, giocata ieri sul campo della Medicea a Poggio a Caiano.
E dire che la squadra era partita molto bene con una difesa solida e concentrata, e con un efficace gioco d’attacco che riusciva a penetrare gli avversari, spesso anche a difesa schierata. Il tutto, insieme ad un’ottima prova del portiere Turini, faceva volare i lanieri fino ad un vantaggio di sette lunghezze e che li portava al riposo sul punteggio di 15 a 10.

Nel secondo tempo purtroppo, ci è parso sia calata la nebbia sulla testa dei ragazzi, che entravano in campo senza la necessaria concentrazione e con un vistoso calo di prestazione un po’ in tutti i reparti, compreso il portiere, permettevano all’Arezzo prima di recuperare lo svantaggio e poi anche di acquisire un margine di 2/3 punti mantenuto sino al termine della gara conclusasi con il punteggio di 25 a 27.

Anche l’arbitraggio non ci è parso all’altezza con alcune decisioni talvolta discutibili e non uniformi, ma questo assolutamente non può costituire nessun alibi per i lanieri che devono lavorare molto invece sulla tenuta mentale dei propri giocatori.
Nel secondo tempo infatti la squadra ha perso letteralmente la testa e con una partita ancora tutta da decidere, ha ‘beccato’ un cartellino rosso e ben 5 espulsioni da 2 minuti , compresa quella dell’allenatore che a seguito di reiterate, quanto inutili anche se comprensibili proteste, lasciava la squadra in soli 4 giocatori di movimento in un momento delicatissimo della gara. Praticamente un terzo del secondo tempo è stato giocato dai pratesi, in inferiorità numerica.
Un aspetto questo crediamo, sul quale il mister dovrà lavorare molto.

Note positive:
L’esordio, fin dal primo minuto dell’Under 15 Scrivo impiegato da centrale, che nonostante la giovane età ha saputo tenere il campo con ordine e buona personalità;
Il ritorno ad una buona continuità realizzativa del terzino Halim, che piano piano, dopo il brutto infortunio occorsogli la scorsa stagione, sembra stia recuperando la condizione, soprattutto mentale;
la buona prova del primo tempo che ancora abbiamo negli occhi, di tutta la squadra, ma soprattutto della difesa.
Su questi punti crediamo bisogna ripartire per costruire un collettivo migliore e dare finalmente una sostanza al buon lavoro svolto negli allenamenti.

Tabellino:
Halim = 10
Pukri = 7
Simoni = 4
Colò = 3
Nicotra = 1